Polenta dolce

Un alimento, soprattutto dei montanari, era la polenta di castagne.
A differenza di quella 'gialla' di granturco, quando l'acqua bolle (mettere un pizzico di sale) si rovescia la quantità desiderata di farina di castagne tutta insieme nel paiolo. L'acqua bolle intorno alla farina senza bagnarla del tutto lasciando cuocere cosi per circa venti minuti senza girarla.
A questo punto si scola l'acqua in un altro recipiente e si comincia a mestare la polenta aggiungendo, se necessario, via via l'acqua con la quale ha bollito, per tirarla soda al punto giusto. A questo punto si ripassa per un paio di minuti sopra al fuoco e la polenta è pronta per essere scodellata e mangiata. Molto buona è da abbinare alla ricotta.