Ninne nanne e giochi infantili

Il primo momento della comunicazione orale nella cultura tradizionale era rappresentato da ninne nanne, filastrocche, saltarelli, conte, giochi infantili, trasmessi, sin dalla prima infanzia, solitamente dalle figure femminili della famiglia contadina (nonna, madre). Forse per questo, essendo il primo approccio dei bambini con la melodia, le parole, i ritmi tradizionali, sono stati conservati per più tempo nella memoria e tramandati anche fuori dal contesto per cui erano stati usati.
Dalla struttura musicale-poetica dei testi (scarna ed essenziale) e dagli argomenti si intuisce la funzione culturale ed educativa contenuta nei documenti che racchiudono le informazioni fondamentali sulle condizioni di vita da affrontare e contemporaneamente interpretano i comportamenti umani e il senso comune dato al rinnovarsi di gesti quotidiani.
La raccolta che segue è basata su molte informazioni ottenute dai fratelli Vergari (Morbello, Sesto, Orlando) da Teresa Biagi Andrei di Magliano in Toscana (1895-1980), da Maria Pia Dominici di Pitigliano (classe 1924) da Igino Paris di Castell'Azzara (1926-1984), da Silve Benedetti di Porto Santo Stefano (classe 1925) e non ultima da Anastasia Simonini Manfucci di Scansano (1938-1996) della quale riproduciamo un appunto che illustra il gioco della palla a mano.

Filastrocca sul mangiare
Domani è festa
si mangia la minestra
la minestra non mi piace
si mangia pane e brace
la brace è troppo nera
si mangia pane e pera
la pera è troppo bianca
si mangia pane e panca
la panca è troppo dura
si va a letto addirittura.

Pitigliano

Filastrocca della settimana
Lunedì buca panieri
Martedì l'amanti veri
Mercoldì de li scordati
Giovedì l'innamorati
Venerdì gira stregoni
Sabbato l'amatori
Domenica è vacanza
si va a veglia per usanza.

Roccalbegna

Filastrocca non senso - Seta moneta
Seta moneta
le donne di Pereta
che filano la seta
la seta e la bambagia
e' struzzi stanno in casa
spazzemi la casa
spazzamela bene
senno ti taglio un piede
un piede una gamba
a casa la Giovanna
a casa Giovannino
zappa la vigna
e bevi 'l vino.

Castell'Azzara

 

Giochi per divertire i bambini più piccoli e per far conoscere le parti del corpo

Questo è l'occhio bello
questo è 'l su' fratello
questa è la bocchina
questo è 'l campanello
che fa drin-drin-drin-drin-drin.

Magliano in Toscana - Argentario

Saltarello -Trucci trucci
Trucci trucci ri e rò
piglia la biada che ti do
piglia i ferri che ti metto
per andare a San Francesco
San Francesco c'è 'na via
per andare a casa mia
casa mia c'è un altare
con tre monache a cantare
una cuce una taglia
una fa i cappelli di paglia
per andare alla battaglia
la battaglia è cominciata
Federica è scavalcata.

Scansano e Pitigliano

Saltarello - Castellino castellaccio
Castellino castellaccio
la tu' mamma ti tiene in braccio
ti tiene in braccio alla cintura
salta giù senza paura.
Castell'Azzara
(ascolta)


Filastrocca
Acqua acqua nun veni'
che 'un c'è niente da benedi'
c'è le braccia del Signore
smetta l'acqua e venga il sole.
Scansano

Le conte
Vengono fatte per scegliere qualcuno all'inizio di un gioco, come il nascondino, o per fare una commissione o per una penitenza.

Ponte ponente ponte pi
tappe ta-perugia
ponte ponente ponte pi
tappe tapperì.
(su chi cade la conta viene detto "te sei fòri")
Monte Argentario

Filastrocca per imparare la decina
Unsi dunsi trensi
quali qualinsi
meli melinsi
riffe raffe e dieci
Magliano in Toscana


Gioco della palla a mano
Gioco di abilità fatto dalle bambine, serve anche per acquisire padronanza nei movimenti del corpo
Scansano

Palla pallina
palla dorata
dove sei stata
dalla nonnina
cosa hai mangiato
pane e cacio
cosa hai bevuto
l'acqua del mare
gettala via che ti fa male!
Monte Argentario


La moglie di Cecco
Dirindina la moglie di Cecco
e le pecore trentatré
se n'avesse un altro paio
metterebbe 'l pecoraio.

Dirindina dirindella
sette pecore e 'n'agnella
dirindino dirindino
sette pecore e 'n agnellino.
Dirindina la malcontenta
babbo tribula e mamma stenta
babbo mangia bon bocconi
mamma tribula co' figlioli.

Babbo mangia all'ostreia
mamma tribula a tutta via
babbo mangia l'erbe cotte
mamma tribula giorno e notte.

Babbo mangia e beve 'l vino
mamma tribula col cittino
babbo mangia cacio e pere
mamma tribula ch'è 'n piacere.

Dirindino dirindino
quanta birba mi fai fa'
se non era 'l mi' cittino
mi toccava anda' a zappa'.

(ascolta)


Pecoraio in quel poggetto
Pecoraio in quel pogetto
che lo suoni il chiufiletto
se le pecore vanno a sòno
pecoraio a che sei bòno.

Solo bòno a mangià ricotta
e va 'n chiesa 'un s'inginocchia
non si cava manco 'l cappello
pecoraio senza cervello.

Tarabaralla tarabaralla
'l prete sona e la serva balla
se gli piglia la mosca a bòna
'l prete balla e la serva sona.

Fa' la ninna mio cocò
che stasera viene papà
porterà le scarpe al bimbo
e gli zoccoli a mammà.

 


Nanna o nanna o
Nanna o nanna o
'sto regazzo a chi lo do?
a chi lo do a chi lo daremo
'sto regazzo lo buttaremo.

E lo buttaremo via
tutto gioglio e porcheria
e lo buttaremo là
'sto regazzo che naffà .

Lo daremo all'Omo Nero
che lo tenga 'n anno 'ntero
lo daremo a San Francesco
che lo chiappi pe' 'n orecchio.

Lo daremo a la Befana
che lo tenga 'na settimana
lo daremo a San Giovanni
che gli faccia le pezze e' panni.

 

Quando lo pecoraio va in Maremma
Quando lo pecoraio va in Maremma
gli sembra d'esse' giudice o notaio
la coda de le pecore è la penna
lo secchio de lo latte 'l calamaio.

Fate la ninna e fatela la nanna
o bello figliolone de la mamma
fate la ninna e fatelo un bel sonno
svegliatevi domani a mezzogiorno.

Fate la ninna che vi addorma iddio
fate la ninna bello angelo mio.
Fate la ninna che vi addorma iddio
se nun dormite voi m'addormo io.

(ascolta)

Fate la ninna fate la nanna
Fate la ninna e fate la nanna
quando 'l figliolo nun vòle dormì
se somiglia a la su' mamma
più briccone nun pòle venì.

 

Ninna nanna - storia
È la storia della donna che, come segno d'intesa per incontrarsi con l'amante, usa lasciare una canna fuori della porta. Quando la canna è distesa in terra significa che il marito non è in casa. Ma il vento buggiarone quella volta l'aveva fatta cadere e così, al busso dell'amante, la donna comunica cantando quello che era successo.

Busso alla porta: Tun - tun

La donna: Nun venire che Togno c'è!
Poi cantando:
è stato 'l vento
a buttare giù la canna
bambino fai la nanna
che 'l babbo vòl dormì.

L'amante
Ho già capito tutto
quello che tu mi vòi dire
ti lascio cinque lire
e torno giovedì.

 


Il pecoraio
Questa canzone, pubblicata nell'opuscolo "9 canti popolari nel repertorio del Coro degli Etruschi" (Grosseto 1982), venne trascritta utilizzando la versione musicale usata da Benilde Corridori (ultracentenaria nata a Roccalbegna il 9/7/1900) che la cantava ai propri figli come ninna nanna.
Una prima indicazione su questo canto la troviamo nella pubblicazione di Gherardo Nerucci (Archivio per lo studio delle tradizioni popolari, Vol.II L.P. Lauriel ed. Palaremo 1883) poi, qualche anno più tardi, nel libro di Giovanni Giannini "Canti popolari della montagna lucchese" (Loescher, Torino, 1889), altre lezioni sono edite da Alessandro Fornari in "Canti Toscani" LEF, 1972 e da I. Guasti- F. Manescalchi ne "La Barriera" (Vallecchi, 1973). Per ulteriori informazioni consultare: "La canzone Il pecoraio e la Maremma di Benilde Corridori" di C. Barontini - in Toscana Folk, marzo 2001- pagg. 30 - 32.


Quando ne vai in Maremma bel pecoraio
Beppino mio caro e caro mio bel
quando ne vai in Maremma voglio venir con te

A l'otto di settembre bella brunetta
Rosina mia fresca e snel
a l'otto di settembre non ci venir con me

Ma senti la tua madre bella brunetta
Rosina mia fresca e snel
ma senti la tua madre se voi venir con me

Gli s'ammette la cagna bel pecoraio
Beppino mio caro e caro mio bel
gli s'ammette la cagna ma vo' venir con te

Ma sentilo il tuo padre bella brunetta
Rosina mia fresca e snel
ma sentilo il tuo padre se voi venir con me

Lui gli s'ammette il cane bel pecoraio
Beppino mio caro e caro mio bel
lui gli s'ammette il cane ma vo' venir con te

Poi ci verranno i figli bella brunetta
Rosina mia fresca e snel
poi ci verranno i figli non ci venir con me

Saranno i miei e i tuoi bel pecoraio
Beppino mio caro e caro mio bel
saranno i miei e i tuoi voglio venir con te

Dove l'involgerai bella brunetta
Rosina mia fresca e snel
dove l'involgerai non ci venir con me

Nel tuo bel camicione bel pecoraio
Beppino mio caro e caro mio bel
nel tuo bel camicione ma vo' venir con te

Dove li cullerai mia bella brunetta
Rosina mia fresca e snel
dove li cullerai se tu verrai con me

Sul baschio del cavallo bel pecoraio
Beppino mio caro e caro mio bel
sul baschio del cavallo ma vo' venir con te

E io andrò a l'inferno bella brunetta
Rosina mia fresca e snel
e io andrò all'inferno non ci venir con me

O mamma o babbo
O mamma o babbo
compratemi un chiufilin
per fa' ballà la gatta
con tutti i su' gattin.

Tiritipino
Tiritipino tappino da botte
tutto 'l male l'ha' fatto te
ti credevi di palleggiarmi
nel pallone c'ho messo te.

 

Altre filastrocche
raccolte a Paganico da Paolo Nardini
informatori: Pierina Agostini (1894-1969) e Amerigo Nardini (cl. 1924)

Cavallino arrì arrò
Cavallino arrì arrò
prendi la biada che ti dò
prendi ' ferri che ti metto
per andare a San Francesco
San Francesco c'è 'n'altare
c'è ttre mmonache a cantare
ce n'è una più vecchietta
Santa Barbera benedetta

 

Gillo bagillo
Gillo bagillo
se vo' moglie dillo
se non la vòi
vattene a guarda' 'boi
i boi e le vitelle
'n branco di bimbe belle
belle e brutte
so' maritate tutte
le brutte e le sciancate
so' tutte maritate

 

Piovere e non piovere
Piovere e non piovere
l'acqua a catinelle
mi ci lava' le mani
mi ci cascò l'anello
pesca ripesca
pescai un pesciolino
lo portai al signorino
'l signorino 'n c'era
c'era la su' sorella
faceva le frittelle
me ne dette una
com'era bòna
me ne dette 'n'altra
la misi sopra la panca
la panca era sfondata
di sotto c'era 'l lupo
'l lupo era 'n po' vecchio
'n sapeva rifà 'l letto
la gatta era 'n camicia
scoppiava dalle risa
' topi su pel muro
sonavano 'l tamburo
la vacca nella stalla
sonava la chitarra
'l mucchino ne lo stallino
sonava 'l violino
Cecco bicecco
'nfilato 'n uno stecco
lo stecco si rompe
Cecco va nel ponte
'l ponte si rovina
Cecco va 'n farina
la farina si staccia
Cecco si sculaccia
si sculaccia bene bene
la mi' moglie viene
viene da Roma
mi prota la corona
d'oro d'argento
che costa millecento
cento cinquanta
la pecorina canta
canta lo gallo
risponde la gallina
s'affaccia Meneghina
passa tre fanti
co' ttre ccavalli bianchi
bianca la sella
bianca la scodella
bianco 'l girasole
smette l'acqua
e viene...
il sole!

 

Trotta trotta
Trotta trotta
cavallo di legno
col tuo bel
cavalier su la groppa
su galoppa
galoppa galoppa
che alla corsa
dobbiamo arriva'

 

Capra Malgolla
- Capra malgolla se' ben satolla?
- sò ben satolla e ben abberata
montami 'n groppa e ti porterò a casa

 

Come si chiama questa?
Come si chiama questa?
- la testa.
Questa non si chiama testa. Si chiama Monte Cinereo
ticche tocche sdeo.
e questa come si chiama?
- la fronte
- Non si chiama fronte. Si chiama Piazza di Macutte,
Monte Cinereo, ticche tocche sdeo
e questi come si chiamano?
- occhi...
Non si chiamano occhi: Lanterne di Milano
Piazza di Macutte,
Monte Cinereo,
ticche tocche sdeo
e questo come si chiama?
- naso...
Non si chiama naso: Camino di gran fumo,
Lanterne di Milano,
Piazza di Macutte,
Monte Cinereo,
ticche tocche sdeo
e  questa come si chiama?
- la bocca...
Non si chiama bocca: Strapazza Pagnotte,
Camino di gran fumo,
Lanterne di Milano
Piazza di Macutte,
Monte Cinereo,
ticche tocche sdeo
e  questa come si chiama?
- la lingua...
Questa non si chiama lingua: Mestola da fagioli,
Strapazza Pagnotte,
Camino di gran fumo,
Lanterne di Milano
Piazza di Macutte,
Monte Cinereo,
ticche tocche sdeo
e  questa come si chiama?
- gola...
Non si chiama gola: Via de' Tozzi,
Mestola da fagioli,
Strapazza Pagnotte,
Camino di gran fumo,
Lanterne di Milano
Piazza di Macutte,
Monte Cinereo,
ticche tocche sdeo
e  questa come si chiama?

[...]

e questo come si chiama?
- il pisello...
Non si chiama pisello: Crea Popoli!

[...]

Via de' Tozzi,
Mestola da fagioli,
Strapazza Pagnotte,
Camino di gran fumo,
Lanterne di Milano
Piazza di Macutte,
Monte Cinereo,
ticche tocche sdeo


 

Cosa mangiò la sposa
Cosa mangiò la sposa
la prima sera
mezzo piccionci'
mezzo piccionci'

Cosa mangiò la sposa la seconda sera
due tortorelle e mezzo piccioncì
mezzo piccioncì

Cosa mangiò la sposa la terza sera
tre colombe olì olà
due tortorelle e mezzo piccioncì
mezzo piccioncì

Cosa mangiò la sposa la quarta sera
quattro galli cantatori
tre colombe olì olà
due tortorelle e mezzo piccioncì
mezzo piccioncì

Cosa mangiò la sposa la quinta sera
cinque porci ammazzatori
quattro galli cantatori
tre colombe olì olà
due tortorelle e mezzo piccioncì
mezzo piccioncì

Cosa mangiò la sposa la sesta sera
se' galline sfracassate
cinque porci ammazzatori
quattro galli cantatori
tre colombe olì olà
due tortorelle e mezzo piccioncì
mezzo piccioncì

Cosa mangiò la sposa la settima sera
sette ceste d'insalata
poc'aceto e ben oliata
se' galline sfracassate
cinque porci ammazzatori
quattro galli cantatori
tre colombe olì olà
due tortorelle e mezzo piccioncì
mezzo piccioncì

Cosa mangiò la sposa l'ottava sera
una botte di bon'acqua
pe sciaccuassi 'l buco de la cacca
una botte di bon vino
pe sciaccuassi quel bocchino
sette ceste d'insalata
poc'aceto e ben oliata
se' galline sfracassate
cinque porci ammazzatori
quattro galli cantatori
tre colombe olì olà
due tortorelle e mezzo piccioncì
mezzo piccioncì


Petruzzo
Oh Petruzzo,
va' nell'ortuzzo
a coglie 'l cavoluzzo
che babbo sta male.
- No
Allora legno piccha Petruzzo
perché Petruzzo 'n vole andà nell'ortuzzo
a coglie 'l cavoluzzo
che babbo sta male
- No
Allora fòco brucia 'l legno
perché 'l legno 'n vole picchià Petruzzo
perché Petruzzo 'n vole andà nell'ortuzzo
a coglie 'l cavoluzzo
che babbo sta male
- No
Allora acqua spengi 'l foco
perché 'l foco 'n vole brucià 'l legno
perché 'l legno 'n vole picchià Petruzzo
perché Petruzzo 'n vole andà nell'ortuzzo
a coglie 'l cavoluzzo
che babbo sta male
- No
Allora bovi bevete l'acqua
perché l'acqua 'n vole spenge 'l foco
perché 'l foco 'n vole brucià 'l legno
perché 'l legno 'n vole picchià Petruzzo
perché Petruzzo 'n vole andà nell'ortuzzo
a coglie 'l cavoluzzo
che babbo sta male
- No
Allora funi legate ' bovi
perché ' bovi 'n vogliano beve l'acqua
perché l'acqua 'n vole spenge 'l foco
perché 'l foco 'n vole brucià 'l legno
perché 'l legno 'n vole picchià Petruzzo
perché Petruzzo 'n vole andà nell'ortuzzo
a coglie 'l cavoluzzo
che babbo sta male
- No
Allora topi rodete le funi
perché le funi 'n vogliano legà 'bovi
perché ' bovi 'n vogliano beve l'acqua
perché l'acqua 'n vole spenge 'l foco
perché 'l foco 'n vole brucià 'l legno
perché 'l legno 'n vole picchià Petruzzo
perché Petruzzo 'n vole andà nell'ortuzzo
a coglie 'l cavoluzzo
che babbo sta male
- No
Allora gatti mangiate 'topi
perché 'topi 'n vogliano rode le funi
perché le funi 'n vogliano legà 'bovi
perché ' bovi 'n vogliano beve l'acqua
perché l'acqua 'n vole spenge 'l foco
perché 'l foco 'n vole brucià 'l legno
perché 'l legno 'n vole picchià Petruzzo
perché Petruzzo 'n vole andà nell'ortuzzo
a coglie 'l cavoluzzo
che babbo sta male
- No
Allora cani scacciate 'gatti
perché 'gatti 'n vogliano mangià 'topi
perché 'topi 'n vogliano rode le funi
perché le funi 'n vogliano legà 'bovi
perché ' bovi 'n vogliano beve l'acqua
perché l'acqua 'n vole spenge 'l foco
perché 'l foco 'n vole brucià 'l legno
perché 'l legno 'n vole picchià Petruzzo
perché Petruzzo 'n vole andà nell'ortuzzo
a coglie 'l cavoluzzo
che babbo sta male
- No
Allora lupi mordete 'cani
perché 'cani 'n vogliano scaccià 'gatti
perché 'gatti 'n vogliano mangià 'topi
perché 'topi 'n vogliano rode le funi
perché le funi 'n vogliano legà 'bovi
perché ' bovi 'n vogliano beve l'acqua
perché l'acqua 'n vole spenge 'l foco
perché 'l foco 'n vole brucià 'l legno
perché 'l legno 'n vole picchià Petruzzo
perché Petruzzo 'n vole andà nell'ortuzzo
a coglie 'l cavoluzzo
che babbo sta male
- No
Allora cacciatore spara a' lupi
perché 'lupi 'n vogliano morde 'cani
perché 'cani 'n vogliano scaccià 'gatti
perché 'gatti 'n vogliano mangià 'topi
perché 'topi 'n vogliano rode le funi
perché le funi 'n vogliano legà 'bovi
perché ' bovi 'n vogliano beve l'acqua
perché l'acqua 'n vole spenge 'l foco
perché 'l foco 'n vole brucià 'l legno
perché 'l legno 'n vole picchià Petruzzo
perché Petruzzo 'n vole andà nell'ortuzzo
a coglie 'l cavoluzzo
che babbo sta male
- No
Allora morte pigliati 'l cacciatore
che 'l cacciatore 'n vole sparà a' lupi
perché 'lupi 'n vogliano morde 'cani
perché 'cani 'n vogliano scaccià 'gatti
perché 'gatti 'n vogliano mangià 'topi
perché 'topi 'n vogliano rode le funi
perché le funi 'n vogliano legà 'bovi
perché ' bovi 'n vogliano beve l'acqua
perché l'acqua 'n vole spenge 'l foco
perché 'l foco 'n vole brucià 'l legno
perché 'l legno 'n vole picchià Petruzzo
perché Petruzzo 'n vole andà nell'ortuzzo
a coglie 'l cavoluzzo
che babbo sta male
- Si
Allora 'l cacciatore sparò a' lupi
'lupi morsero 'cani
'cani scacciarono 'gatti
'gatti mangiarono 'topi
'topi rosero le funi
le funi legarono 'bovi
'bovi bevvero l'acqua
l'acqua spense 'l foco
'l foco bruciò 'l legno
'l legno picchiò Petruzzo
Petruzzo andò nell'ortuzzo
a coglie 'l cavoluzzo
che babbo sta male.