Me ne andavo a la fiera a Senigallia

Me ne andavo a la fiera a SenigalliaMe ne àndavo a la fiera a Senigallia
trovai 'na bionda che vestiva in maglia
Rit. e tra la bionda, la bruna, la mosca, la bella mora
m'innamorai di quella traditora.
 
Sortì fòri lu ragno dal ragnaro
pe' andà a mangià la mosca dal moscaro
Rit. e tra lu ragno, la mosca, la bionda, la bruna, la bella mora
m'innamorai di quella traditora.
 
Sortì fòri lu grillo dal grillaio
pe' andà a mangià lu ragno dal ragnaro
Rit. e tra lu grillo, lu ragno, la mosca, la bionda, la bruna, la bella mora
m'innamorai di quella traditora.
 
Sortì fòri l'uccel dall'uccellaro
pe' andà a mangià lu grillo a lu grillaro
Rit. e tra l'uccello, lu grillo, lu ragno, la mosca,
la bionda, la bruna, la bella mora
m'innamorai di quella traditora.
 
Sortì fòri lu topo dal toparo
pe' andà a mangià l'uccel dall'uccellaro
Rit. e tra lu topo, l'uccello, lu grillo, lu ragno, la mosca,
la bionda, la bruna, la bella mora
m'innamorai di quella traditora.
 
Sortì fòri lu gatto dal gattaro
pe' andà a mangià lu topo dal toparo
Rit. e tra lu gatto, lu topo, l'uccello, lu grillo, lu ragno, la mosca,
la bionda, la bruna, la bella mora
m'innamorai di quella traditora.
 
Sortì fòri lu cane dal canaro
pe' andà a mangià lu gatto a lu gattaro
Rit. e tra lu cane, lu gatto, lu topo, l'uccello, lu grillo, lu ragno, la mosca,
la bionda, la bruna, la bella mora
m'innamorai di quella traditora.
 
Sortì fòri lo lupo dal luparo
pe' andà a mangià lu cane a lu canaro
Rit. e tra lo lupo, lu cane, lu gatto, lu topo, l'uccello, lu grillo,
lu ragno, la mosca, la bionda, la bruna, la bella mora
m'innamorai di quella traditora.
 
Sortì fòri 'l leone dal leonaro
pe' andà a mangià lo lupo a lu luparo
Rit. e tra 'l leone, lo lupo, lu cane, lu gatto, lu topo, l'uccello, lu grillo,
lu ragno, la mosca, la bionda, la bruna, la bella mora
m'innamorai di quella traditora.
 
Sortì fòri la tigre dal tigraro
pe' andà a mangià 'l leone a lu leonaro
Rit. e tra la tigre, 'l leone, lo lupo, lu cane, lu gatto, lu topo, l'uccello,
lu grillo, lu ragno, la mosca, la bionda, la bruna, la bella mora
m'innamorai di quella traditora.
 
Sortì fòri l'elefante dal leofantaro
pe' andà a mangià la tigre a lu tigraro
Rit. e tra l'elefante, la tigre, 'l leone, lo lupo, lu cane, lu gatto, lu topo, l'uccello,
lu grillo, lu ragno, la mosca, la bionda, la bruna, la bella mora
m'innamorai di quella traditora.
 
 
 
Informatore di questa filastrocca scioglilingua registrata a Sorano nel 1976, è il poeta Navio Porri (1927 - 1996). Per come è costruito il testo con una successione crescente degli animali (dal più piccolo - il ragno, sino al più grande - l'elefante) il canto diviene anche un esercizio di memoria per acquisire sicurezza linguistica sui nomi. Fra i canti iterativi sullo stesso tema degli animali, ce ne sono alcuni impostati in maniera analoga a questo, mentre sembra assai originale la prima strofa che fa riferimento alla fiera di Senigallia (la fiera che si teneva ai Bastioni di Porta Ticinese a Milano) e quindi offre una indicazione sulla sua provenienza.