Bevi 'l vino

parole e musica di Morbello Vergari
 
Quando avvampa l'estate e l'arsura
brucia i campi del pan quotidiano
sale l'afa su da la pianura
che intristisce le spighe di grano,
a la sera so' stanco, sfinito
me le sento le gambe trema'
e allora per farmi un piacere
lo piglio il bicchiere e mi metto a canta':
 
Bevi 'l vino di Scansano
che ha 'l color de la felicità
bevi 'l vino di Scansano
ch'è 'l più sano che vigna può da'
 
se sei preso dal magone
e l'affanno 'un ti fa rifiata'
bevi allora giù senza riguardi
finché Garibaldi nun vedrai balla'.
Se la vita ti abbera di fiele
e l'amaro ti oscura la vista
se il tuo amore con te fa 'l crudele
e la pace i tuoi sogni rattrista
butta al vento i sospiri e gli affanni
lascia 'l mondo che giri da sé
e lasciando a i cavalli i pensieri
fai colmi i bicchieri cantando così:
 
Bevi 'l vino… ecc.
 
Sor Giuseppe nonché Garibaldi
che stai in piazza di questo paese
e dall'alto lontano tu guardi
scendi giù senza tante pretese
lascia l'acqua col fischio del vento
vieni giù in cantina anche tu
io allora che so' del mestiere
ti porgo il bicchiere e t'invito a canta'
 
Bevi il vino… ecc.