Serenata

atpLa serenata ha rappresentato certamente un momento significativo nella tradizione dei canti popolari, proprio perché profonde sono le sue radici nel sentimento popolare. Fino agli anni del secondo dopoguerra, specialmente nelle campagne e nei paesi della nostra provincia, la serenata era praticata - soprattutto dai giovani - come offerta d'amore alle ragazze. Erano voci solitarie o gruppi di persone che andavano a portare la serenata sotto la finestra di qualche ragazza da marito. Nella stessa tradizione del Maggio troviamo questa usanza (vedi Maggio serenata di Roccalbegna). Va inoltre aggiunto che alcuni poeti e compositori tradizionali hanno aggiunto alcune loro canzoni a serenata innovando i ritmi ternari tipici della tradizione orale. Ma su questo andrebbe indagato più approfonditamente. La versione che qui pubblichiamo venne registrata nei primi anni '70 da Pier Giorgio Zotti a Buriano; informatrice: Amina Barbetti (1910 - ….).

Serenata
Siamo venuti a far la serenata
padron di casa se contento siete
so che c'avete 'na figlia garbata
e sotto de' vostr'occhi la tenete.
Rit. Se dormi svegliati fanciulla adorata
la serenata la canto per te.

Ditegli che c'è uno dei suoi amanti
la viene a visitar con suoni e canti
ditegli che c'è uno dei suoi amori
la viene a visitar con canti e suoni.
Rit. Se dormi svegliati fanciulla adorata
la serenata la canto per te.

Svegliati o cara e mettiti quei panni
levalo questo cuor da tanti affanni
svegliati o cara e mettiti a sedere
levalo questo cuor da tante pene.
Rit. Se dormi svegliati fanciulla adorata
la serenata la canto per te.